lunedì 11 gennaio 2010

Bortsch ovvero la zuppa infinocchiata!


Alla raccolta di Anto volevo partecipare assolutamente, ma vi assicuro che non è stato per niente facile, perchè quando vidi che si trattava del finocchio detti per scontato che sarebbe stato semplice trovare una ricetta perchè a me i finocchi piacciono! Ma poi facendo mente locale  mi sono resa conto che si mi piacciono, ma che li mangio sempre  e solo crudi, non ho l'abitudine di cucinarli! E così mi sono dovuta adoperare per cercare una ricetta che si lasciasse infinocchiare, anche perchè mi ricordavo che anni fa avevo fatto un a zuppa con lui dentro, ma più mi sforzavo e più non la ricordavo!! Poi ci sono state le feste di mezzo che hanno ritardato ancor di più le ricerche della zuppa, ma per fortuna Anto ha fatto una proroga e quasi allo scadere eccomi qui con la zuppa ritrovata per caso mentre cercavo un'altra ricetta!!



Si tratta del Bortsch, tipica zuppa russa, corposa e lunga a farsi, ma veramente buona e corroborante in queste sere fredde!!La ricetta è tratta da uno speciale di Sale&Pepe di qualche anno fa, non so se sia l'originale, ho visto in giro molte versione, ma a me serviva quella con il finocchio...;-)


Ingredienti:
  • un finocchio
  • una barbabietola rossa circa 250 gr ( anche già cotta)
  • 2 cipolle
  • 4 pomodori pelati
  • tre patate
  • 2 carote
  • una costala di sedano
  • 300 gr di foglie di cavolo verza o cappuccio
  • un ciuffo di prezzemolo
  • mezzo kg di costine di manzo ( oppure di maiale, pecora, agnello o miste)
  • un cucchiaio di zucchero
  • un cucchiaio di maizena
  • 2 cucchiai di aceto
  • olio di semi
  • 8 cucchiai di panna acida
  • sale
  • panna acida*

* la panna acida o " smetana" difficilmente si trova ( almeno qui da me) può essere sostituita con yogurt greco denso oppure mescolando in parti uguali yogurt e robiola, ma se proprio volete la panna acida basterà lasciare fermentare una notte in luogo tiepido della panna 8 pura o mescolata con yogurt denso non dolce) con qualche goccia di limone.
    Preparazione: mettete in una casseruola le costine di manzo con il prezzemolo, il sedano ed un pezzetto di carota, salate leggermente, coprite di acqua e lasciate cuocere per circa un'ora a fuoco medio, schiumando il brodo ad inizio ebollizione.
    Una volta pronto il brodo fate rosalare le cipolle tagliate sottili con un filo di olio e qualche cucchiaio di brodo , rosolate un paio di minuti, regolate di sale e poi aggiungete la barbabietola tagliata a rondelle sottili o  a julienne ( come preferite), spruzzatela con un pò di aceto e lasciate evaporare ( se utilizzate la barbabietola cotta basterà qualche minuto, altrimenti se è cruda ci vorrà circa mezz'ora e la dovrete portare a cottura aggiungendo brodo caldo all'occorrenza). Scolate le costine, le verdure e gli aromi ed aggiungete al brodo le foglie di cavolo affettate sottili, le carote ed  il restante sedano fatti a cubetti, il finocchio affettato, i pomodori passati, lo zucchero, l'aceto rimasto e cuocete per circa 45 minuti a fuoco medio.
    Tracorso il tempo unite le barbabietole stufate, le patate fatte a tocchetti e cuocete per un'altra ora. Quasi a fine cottura aggiungete il cucchiaio di maizena, sciolto in acqua tipeida all zuppa e amalgamate il tutto ( serve per renderla più cremosa).
    Potete servire il bortsch direttamente così guarnendolo con una fettina di limone ed un ciuffetto di prezzemolo o aneto oppure  accompagnandolo con un pò di panna acida*.


    Ecco la ricetta cara Anto, spero vada bene anche se il finocchio è un coprotagonista e non l'eroina assoluta della zuppa!


    28 commenti:

    1. Wowwwwwwwwwww....va benissimo Milla!!!
      L'obiettivo della raccolta è proprio quello di rivalutare quel povero finocchio che di solito sgranocchiamo da crudo e che spesso dimentichiamo nel frigo....
      la tua ricetta è strepitosa!
      Grazie, ci tenevo tanto anche io alla tua partecipazione ;)
      Un bacione e buonanotte!

      RispondiElimina
    2. Buona!!!!!Finocchi, barbabietola rossa....accostamenti che mi piacciono un casino!

      RispondiElimina
    3. Mai mangiata questa zuppa....ma mi incuriosisce molto....

      RispondiElimina
    4. Particolare questa zuppa...complimenti per aver recuperato una ricetta così!!!

      RispondiElimina
    5. Ammazza Sere non sapevi come farlo.. ma hai creato una zuppa originalissima!!!!! Anche io adoro come te il finocchio ma l'ho sempre mangiato crudo.. così per poter partecipare ala accolta di Anto mi son dovuta inventare 2 ricette ahahahaah.. baci cara e buona giornata .-)

      RispondiElimina
    6. Complimenti!!!Fantastica, mi hai lasciata con la bocca aperta! Mi piacerebbe troppo provarla!!!!
      Ps. una curiosità...ma come fai a fare la c dentro al cerchietto?
      UN ABBRACCIO

      RispondiElimina
    7. Non mi piacciono per niente i finocchi cotti, ma penso che così li mangerei! Una ricetta davvero particolare!
      Baci
      Stefania

      RispondiElimina
    8. Buonissima questa zuppa, davvero corroborante e coccolosa, ideale da gustare in queste serate freddissime ;)

      RispondiElimina
    9. Bella rivisitazione davvero!
      complimenti.

      RispondiElimina
    10. una rivisitazione in grande stile e gusto, brava milla mi piace molto questo abbinamento davvero gustoso!!baci imma

      RispondiElimina
    11. Cara Milla,
      una zuppa così corroborante è davvero un toccasana in questi giorni, bravissima!
      Anche io ho una ricetta del bortsch, molto simile, che ancora non ho provato... mi sa che comincerò dalla tua, ha un misto verdure decisamente accattivante :)
      buona giornata,

      wenny

      RispondiElimina
    12. ottima questa zuppetta!!! mi segno la ricetta e la provo al più presto! baci

      RispondiElimina
    13. Anch'io li mangio sempre crudi...sto cercando di partecipare alla raccolta di Anto, ma ancora non ho niente sotto mano...vedremo...
      la tua zuppa è coloratissima e vitaminica!
      Complimenti :-)

      RispondiElimina
    14. I russi, quanto a freddo, sanno bene come difendersi. Credo bene che la tua zuppa scaldi il cuore, le mani ed i piedi :-)
      Molto bella a vedersi e sicuramente ottima!!
      Buona giornata!

      RispondiElimina
    15. @ Antonella: grazie a te cara Anto, un bacio!

      @ Matteo, Meb, Stefania, Fra, Fabipasticcio, Imma, Wenny, Gaia, Iana, Mimmi: grazie!

      @ Simo: a me piace perchè oltre ad essere un comodo piatto unico è composta da verdure che normalmente non si mangiano nei normali minestroni.Da provare anche senza carne.

      @ Claudia: a me picciono molto le ricette che ti sei inventata tant'è che l'ho già copiate!!

      @ Marifra: grazie! Il segno del copiright lo faccio tenendo premuto alt + 0169.

      @ Micaela: un bacio anche a te!!

      RispondiElimina
    16. Che originale questa zuppa!!!
      un modo diverso per mangiare il finocchio che a me non piace molto... potrei provarla così magari cambio idea :)

      RispondiElimina
    17. Ciao!!!Scusami...torno per il simbolo del copy...proprio non ci riesco e mi chiedevo se + era il simbolo che devo effettivamente premere o è per dire che dopo l'alt ci sono i numeri? Sono un'imbranata!!!!!Grazie!

      RispondiElimina
    18. Una zuppa davvero gustosa e nutriente un piatto completo!!!
      Bravissima Milla!!!!!

      RispondiElimina
    19. Ricetta bellissima e fantasiosa, brava!

      RispondiElimina
    20. Una vita che vorrei provare a fare
      questa zuppa cosi famosa.Mi ricorda vagamente ad una zuppa ungherese molto sostanziosa.
      Brava!
      CIao
      Aniko

      RispondiElimina
    21. Ho letto con molta attenzione la ricetta perchè personalmente è una preparazione del tutto inedita per me. La fantasia ai fornelli è un ottimo ingrediente, soprattutto a vedere i risultati!
      Complimenti davvero :)

      RispondiElimina
    22. E' proprio vero, anch'io quando penso al finocchio mi viene in mente crudo in pinzimonio, solo di recente ho provato anch'io a farne una zuppa!!
      Complimenti per gli accostamenti e per gli spunti che traggo dal tuo blog.
      a pesto antonella

      RispondiElimina
    23. non sono amante dei finocchi, anche se fanno benissimo alla salute, così in questa zuppa li assaggerei volentieri.
      ciao Reby

      RispondiElimina
    24. Partecipa anche tu al concorso de La Cucina Italiana:
      LA TAGLIATELLA NAZIONALE

      Per info:
      http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112

      Scade il 10 Febbraio 2010.
      Buon lavoro!

      RispondiElimina
    25. Sembra buona davvero!!! Tanti auguroni di cuore Milla per il nuovo anno scusa se te li ho fatti in ritardo ma ho sempre 1000 e poi 1000 cose da fare e ho sempre poco tempo da dedicare al mio blog e a voi....un abbraccio ciaooooo

      RispondiElimina
    26. che bella zuppa originale e che bel colore!!! La panna acida secondo me è buonissima!!! Complimentoni

      RispondiElimina
    27. @ Debby, Rebecca: in questa zuppa il sapore del finocchio si fonde con quello della barbabietola, che predomina, penso che potrebbe piacerti!

      @ Marifra: nessun problema, allora devi tenere premuto l'alt ed in contemporanea premere 0169. Normalmente faccio questa operazione da photoshop, selezionando l'opzione testo, ma funziona anche su word ecc. riscrivimi se hai ancora problemi!

      @ Stefi, Elga, Aniko, Gambetto, Antonella, colombina: grazie :-)

      @ Elisa: ti capisco benissimo, grazie, sono sempre graditi!

      RispondiElimina

    Impressioni, consigli, chiarimenti, critiche...tutto ciò che scrivete è benvenuto...purchè vi firmiate :-)

    Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.