giovedì 3 dicembre 2009

Spatzle di mais


La ricetta di partenza presa da un giornale locale del trentino durante una vacanza, mi aveva incuriosito molto, conoscevo e faccio da molti anni i classici spatzle verdi , ma questi non li avevo mai ne visti nè conosciuti, così decido di provarli, ma al momento di realizzarli mi accorgo che le dosi non tornano,  così decido di procedere aggiungendo piano piano gli ingredienti soprattutto il parmigiano, e così lo metto un terzo di quello consigliato e già in questa maniera nella ciotola vedo un ammasso tipo cemento non cremoso come scrivevano, e così sono andata a senso, regolandomi sulla consistenza della variante classica degli spatzle, ho lasciato il terzo di parmigiano, levato un uovo ed aggiunto un pò d'acqua.

Sono venuti perfetti ( lo dico senza modestia perchè sono veramente facili da realizzare) e buonissimi, se vi piace la farina di mais è una ricetta che fa per voi, assicurato!

Ingredienti:
150 gr di farina per polenta
60 gr di farina 0
1/2 bicchiere di acqua circa
50 gr di parmigiano grattugiato
3 uova intere (di gallina che razzola)
un pizzico di sale

Preparazione: ho messo sul fuoco una pentola d'acqua salata, nel frattempo ho miscelato le due farine nella planetaria con il gancio a K, ho azionato a velocità media e ho aggiunto gradualmente le uova intere, il sale, il parmigiano ed infine l'acqua a piccole dosi.
Una volta raggiunta la giusta consistenza con l'apposita caccavella (comprata sempre nel medesimo attrezzatissimo negozio di Brunico dove presi anche il cannello a gas ) ho formato i miei spatzle, li ho lasciati cuocere dieci minuti abbondanti ( la farina di mais ci mette di più!) stando attenta a non eccedere con la cottura per paura che si spappolassero, li ho scolati e conditi subito con olio evo, come faccio con gli gnocchi questo perchè ero in anticipo rispetto all'orario di cena, non sapevo se anche per questo piatto questo metodo avrebbe funzionato, ma è andata bene, al momento di cena li ho rituffati per un paio di minuti nuovamente nell'acqua bollente e ne sono usciti come nuovi!!!

Adesso vi chiederete come li ho conditi.....bhè questa è un'altra storia e la racconterò nei prossimi gorni....

36 commenti:

  1. La cosa che più mi piace leggendo il post è l'arte di correggere in corsa qualcosa che non torna nella ricetta, con una faciltà e linearità che non sono proprio da tutti! ;-)
    Complimenti sia per come racconti questi episodi sia per i risultati raggiunti...dai a chi legge la sensazione di vivere la medesima esperienza nella propria cucina...nel mio caso ne faccio tesoro e non sporco nemmeno ahahaha
    Adesso però siamo tutti in attesa della parte condimento...
    Buon we e brava come sempre! :)

    RispondiElimina
  2. Mi unisco a Gambetto...
    sei bravissima nel rimediare agli sbagli altrui...come dici tu...a senso!
    Confesso di non averli mai assaggiati,nonostante le mezze radici trentine che ho...intanto i miei complimenti,poi aspetto con ansia il condimento :))
    Un bacio Milla
    Aurelia

    RispondiElimina
  3. mmmm.....ti giuro che mi è venuta l'acquolina, complimenti!

    RispondiElimina
  4. Non li ho mai sentiti nominare.... però me gustano mucho!!!! bacioni e buon fine settimana cara :-)

    RispondiElimina
  5. Io non li ho mai mangiati mi sa che sono un pò difficili da realizzare...Mi fan poensare ai passatelli...Aspetto di vedere come li hai conditi :DD

    RispondiElimina
  6. Trovo bellissimo quando le dosi di una ricetta non tornano e mi tocca fare da me, sei d'accordo? Quindi li cuoci subito, senza farli "seccare"? (scusa ma non li conosco proprio )Sono curiosa di vedere come li hai conditi...

    RispondiElimina
  7. Buoni!!! ma secondo te si riescono a fare con lo schiaccia patate?

    RispondiElimina
  8. una gran bella idea farlo con la farina di polenta, ah le dosi per le ricette le devo sempre modificare al momento

    RispondiElimina
  9. non li ho mai assaggiati però mi ispirano moltissimo ! bravissima

    RispondiElimina
  10. Anch'io ho sempre visto e assaggiato quelli verdi...ottima idea questa variazione.
    Ti dirò che il condimento mi incuriosisce molto...
    E poi mannaggia....dove si trova la grattuggia per farli??? Non dirmi che devo andare apposta in Trentino a prenderla...??!

    RispondiElimina
  11. ciao! il tuo blog mi piace molto!
    anche io n ho appena aperto uno su FOTOGRAFIA+CUCINA.

    buone feste!

    RispondiElimina
  12. Dosare ad occhio è un dono da intenditori!
    Brava...certo che mi piace la farina di mais!
    Baci

    RispondiElimina
  13. adoro gli spatzles ma al mais non li ho mai mangiati! bacii

    RispondiElimina
  14. sono buonissimi! proverò questa variante..molto invitante!

    RispondiElimina
  15. Bravissima, mi hai fatto venir voglia di farli!
    Ma la farina di mais (ovvero polenta?) era di quella precotta che cuoce in 5 minuti o la classica per cui ce ne vogliono 40?
    buon week end!

    RispondiElimina
  16. Milla .. io adoro la farina di mais, e quindi questa bellissima idea. Consigli una farina bramata o integrale ?? Lo so che sono pesantina ..... Manu

    RispondiElimina
  17. Belli e originali!!!!
    Complimenti, buon w.e.!!!!

    RispondiElimina
  18. Mi piace assai questo tuo correggere le dosi in corso d'opera, così come lo stratagemma del filo d'olio in attesa del nuovo tuffo rinnovatore prima di condirli... complimenti per la creatività! La preparazione non la conoscevo, e vista così mi attirerebbe pure... ma che ne è del condimento? Illuminaci...
    A presto
    Sabrine

    RispondiElimina
  19. @ Gambetto, Aurelia: troppo buoni e gentili, così mi gaso!! Buon fine settimana anche a voi...ci rivediamo per il condimento!

    @ Angie, Claudia, Gunther, Ale, Pagnottella, Federica, Stefi: grazie!

    @ Spighetta: al contrario, sono facilissimi da fare, praticamente si mettono in questa specie di grattugia a fori larghi e si fanno cadere direttamente nell'acqua bollente et voilà eccoli pronti!!

    @ Gloria: ti dico la verità a me quando le ricette non tornano mi urto parecchio!! Cmq dà sicuramente soddisfazione riuscire a rimediare ;-) Gli spatzle si formano e cuociono direttamente, l'impasto è troppo morbido e non si possono formare prima e poi metterli a cuocere, si mette l'utensile sopra alla pentola e ci si fa passare l'impasto dentro che poi cadrà nell'acqua bollente.

    @ Patricia: assolutamente no, verrebbero troppo fini.

    @ Simo: probabilmente in un negozio ben fornito di casalinghi lo trovi o al massimo te lo puoi far ordinare ( altrimenti approfitti per farti una giratina fra i mercatini natilizi tirolesi..)

    @ AmSimo: grazie, passo a trovarti, con piacere!

    @ Micaela: allora devi assaggiarli assolutamente!

    @ Gaia: per la farina ho usato la classica, quindi quella che cuoce in 40 minuti, ma in questo caso essendo piccoli in 10-15 minuti al massimo cuociono benissimo senza spappolarsi o rimanere troppo duri.

    @ Forchettina: cara Manu mi piace quando qualcuno fa le domande, non sei affatto pesante!! Io li ho fatti con la farina gialla normale, ma anche con quella integrale sarebbero da provare...

    @ Sabrine: il metodo lo devo a mia zia, me lo ha fatto scoprire con gli gnocchi e da allora ognivolta che mi sembra che possa funzionare lo provo, perchè è troppo comodo!! a presto

    RispondiElimina
  20. ma che buoni milla se avessi solo un po di manualità in piu rigurdo questi tipi di piatti li farei al volo!!troppo gustosi,baci imma

    RispondiElimina
  21. Li adoro!!! li ho sempre mangiati agli spinaci,ma ti dirò che questa tua versione è davvero molto invitante peccato che la "caccavella" io non ce l'ho....

    RispondiElimina
  22. Spesso è meglio andare ad occhio che seguire le ricette! Complimenti!

    RispondiElimina
  23. io adoro gli spatzle!
    per il momento, però, li ho fatti solo in versione "verde"... li devo assolutamente provare anche così!

    ;)
    *

    RispondiElimina
  24. Un'altra sorpresa, sono fantastici, sono da provare!
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  25. adoro gli spatzle e anch'io tempo fa gli dedicato un post, stasera li ho mangiati a cena a casa di mia sorella cucinati dal fidanzato però, (fantastici!) aspetto il tuo condimento, "devo" assolutamente provarlo!
    p.s.: mi raccomando pubblicalo presto.
    baci

    RispondiElimina
  26. io amo qualsiasi cosa sia "gnoccoforme" spatzle compresi! bravissima, questa ricetta con le tue modifiche mi sembra ottima :)

    RispondiElimina
  27. Io non li ho mai assagggiati,la ricetta m'incuriosisce tantissimo,adesso andrò a cercare anche i verdi!

    RispondiElimina
  28. di coche gli spatzle mi piaccino ma l'header nuovo di più!:D

    RispondiElimina
  29. @ Imma: sono facili facili, per una come te che fa capolavori questi sono una bazzecola!

    @ Il cucchiao d'oro: grazie! attrezzati cn la caccavella, fa sempre piacere rimpinzae gli sportelli della cucina!!

    @ Iana, Alessandra, Tibia: grazie!

    @ Tartina: :-)

    @ Ele: ci provo è che qui il tempo è tiranno!!

    @ Nanny: se hai un pò di pazienza ho intenzione di postarla!

    @ Genny: mi fa piacere che tu l'abbia notato, anche a me piace un pò stilizzato così, mi ricorda i disegni dei bimbi!

    RispondiElimina
  30. conosco gli spatzle,li ho già mangiati ma mai preparati io..e in più li adoro,ma sono curiosa di sapere come li hai conditi!!ASPETTO..ciao

    RispondiElimina
  31. Yummy Blog and congrats on the foodie blogroll!

    Enjoy!

    RispondiElimina
  32. bella idea di farli con il mais, devono avere un sapore tutto speciale!

    RispondiElimina
  33. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  34. Che bella idea, complimenti!!! Anche se a me piace molto la ricetta originale, che ho assaggiato da poco a Bolzano. Se ne trovano varie su Internet, vi segnalo quella dell'amica Delicatessen, una cuoca tutta da seguire: http://www.whatyoulove.it/2009/12/10/natale-in-alto-adige-tra-mercatini-e-spatzle/

    RispondiElimina
  35. Wow! Questi me li ero persi e sono davvero particolari e accattivanti!

    RispondiElimina

Impressioni, consigli, chiarimenti, critiche...tutto ciò che scrivete è benvenuto...purchè vi firmiate :-)

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.