sabato 7 aprile 2012

Ciaccia di Pasqua



Mi sono resa conto che in 4 anni di blog non ho mai postato ricette pasquali...urge rimediare...si parte con la ciaccia al formaggio, un classico della colazione pasquale, per me è buonissima anche da sola, ma con il capocollo ci sta proprio bene.
Anche questa ricetta è della mamma, l'ho solo appena ritoccata  aggiungendo un pizzico di cannella.
Nei prossimi, giorni, ormai in ritardo, posterò anche la colomba e la ciaccia dolce con l'anice, che stanno giusto giusto lievitando in questo momento...


Felice Pasqua



Ingredienti:
6 uova
4 cubetti di lievito di birra ( ma se avete tempo mettetene 2 a fatela lievitare un pò di più)
200 gr di parmigiano grattugiato
100 gr di pecorino romano 1/2 grattugiato 1/2 a pezzettini
100 gr di groviera a tocchetti ( in modo che si senta sotto i denti)
1 bicchiere di latte intero
1 bicchiere di olio evo
700 Kg di farina 0 e 300 gr di farina Manitoba
sale q.b
abbondante pepe nero
un cucchiaino da caffè di cannella ( serve a profumare, non altera assolutamente il sapore)


Preparazione: nella planetaria con il gancio a foglia sciogliere il lievito con il latte tiepido, poi aggiungere le uova far andare qualche minuto, poi mettere il gancio impastatore aggiungere la farina, i formaggi, l'olio, la cannella, il sale e abbondante pepe nero ( si deve vedere nell'impasto...), impastare per una decina di minuti abbondanti a velocità media; prima di mettere negli stampi di carta da panettone oppure in teglie strette e alte ( oliate ed infarinate) assaggiare, l'impasto deve essere  saporito, in caso aggiustate di sale e pepe. Fare lievitare in luogo caldo ( consiglio il forno preriscaldato a 50° e poi spento), coperte fino al raddoppio o comunque fino a quando raggiungeranno il bordo dello stampo,  cuocere in forno preriscaldato a 170-180° per circa 30-40 minuti ( a seconda delle dimensioni) fare la prova stecchino prima di sfornare. Se dovesse colorare troppo abbassare la temperatura a 160°.

12 commenti:

  1. sta una meraviglia pure con la corallina!
    Buona Pasqua!!!!
    Alice

    RispondiElimina
  2. uhmmmm...che bontà!
    ti auguro una felice e serena Pasqua!

    RispondiElimina
  3. @ Alice: cos'è la corallina?

    RispondiElimina
  4. 4 cubetti di lievito??
    PS
    La "corallina" è un tipico salame che viene usato nel Lazio per la colazione pasquale e che vendono tutte le salumerie ma anche i super...:P eheheheheh

    RispondiElimina
  5. @ Gambetto: sai che proprio non lo conoscevo questo salume? grazie per la puntuale e precisissima spiegazione :-)... si 4 cubetti, possono sembrare tanti, ma sono indispensabili vista la quantità non indifferente di formaggio che rende l'impasto più pesante...sinceramente non ho mai provato con meno perchè così vengono veramente bene...

    RispondiElimina
  6. ehi! ma è la cugina della mia adorata pizza al formaggio , regina della Pasqua, che buona!!! un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  7. Hai fatto bene a condividerla.... È bello scoprire ricette delle rradizioni regionali della nostra ricca Italia!!! Questa non la conoscevo... E giá mi piace! ;)

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono le ricette tradizionali e soprattutto queste che mi mettono fame solo a guardarle!
    ;-) ciao e a presto
    fico&uva

    RispondiElimina
  9. Sul mio blog c'è una sorpresina per te Milla;)

    RispondiElimina
  10. Buonissima ricetta e bellissima presentazione. Complimenti! Da oggi ti seguo... se ti fa piacere passa a trovarmi qualche volta!

    RispondiElimina
  11. Ciao Milla, mi piace molto il tuo blog, le ricette e anche le foto, da oggi mi sono unita anche io!
    Ti ho inserita nell'elenco di "I LOVE YOUR BLOG", passa a trovarmi.
    http://meditandum.blogspot.it/search/label/premi
    Un abbraccio!

    RispondiElimina

Impressioni, consigli, chiarimenti, critiche...tutto ciò che scrivete è benvenuto...purchè vi firmiate :-)

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.