mercoledì 25 agosto 2010

Polpette della nonna Mimma


In questi giorni ho visto molte polpette in giro per i blog, tutte diverse e tutte gustose, a me piacciono in tutte le salse perchè oltre che buone sono veloci, facilmente adattabili agli ingredienti che si hanno a disposizione, coccolose con il loro cuore morbido e la crosticina fuori, insomma le mangio volentieri, a patto che siano preparate da mani fidate, sinceramente non le mangio in albergo o al ristorante...( babbo docet ;-)).

Mi piacciono di carne o di verdure, ma ho una polpetta del cuore quella della mia nonna materna,   la nonna Mimma, appunto.... quest'anno compirebbe 100 anni,  e invece se ne è andata quasi venti anni fa, una bella età, si, ma troppo pochi per me che essendo l'ultima nipote me la sono goduta appena, se ne è andata quando ero ancora una ragazzina e tante cose non abbiamo potute farle insieme.
Avrei voluto cucinare insieme a lei che era una provetta cuoca, portarla a spasso in macchina, a trovare quella sorella a Gaiole in Chianti che ricordava sempre, ma che vedeva pochissimo, darle la gioia di vedere una nipote " dottoressa" e farle conoscere il bisnipote ( che quando mangia appoggia la mano sulla guancia proprio come faceva lei...) , insomma prendermi cura di lei come lei lo ha fatto con me. Una seconda mamma in tutto e per tutto, un amore immenso e incondizionato.
La ricordo per i suoi gesti, per le sue parole, per il suo sorriso, per la sua infinita pazienza....e per le cose buone che preparava, in particolare queste polpette, normalissime polpette, ma troppo buone,  in casa sono rimaste una costante, prima mia mamma per me  ora io per Luca...

Ingredienti:  ad occhio in base alla fame e alla pancia di chi mangia, in genere ogni polpette deve essere  grande come un'arancia  e alta circa due dita, quindi si calcola circa 2-3 polpette a testa. Sostanziose e nutrienti piacciono molto anche ai piccoli!

Ingredienti:
  • magro scelto di vitello macinato
  • patate
  • prezzemolo
  • aglio
  • uovo di gallina che razzola ( uno ogni 4 persone)
  • parmigiano grattugiato
  • farina q.b
  • olio evo o di semi
  • sale e pepe
Preparazione: lessare le patate, sbucciarle e farle intiepidire, a questo punto passarle con l'apposito attrezzo ( non mettete nel mixer altrimenti diventano colla), unirle alla carne macinata, l'uovo, il parmigiano, abbondante prezzemolo tritato, una specciola d'aglio tagliuzzata finemente o spremuta, sale e pepe. Amalgamare bene il tutto, aggiustare di sale e pepe e con le mani inumidite formare le polpette, schiacciarle leggermente, passarle nella farina e poi cuocerle in una larga padella con olio evo o se preferite olio per friggere ( non molto, non devono essere immerse nell'olio, serve solo per non farle attaccare) una volta cotte passarle su un foglio di carta da cucina per assorbire l'olio in eccesso. Servirle su un letto di insalatina fresca.

Ti voglio bene nonna cara........

42 commenti:

  1. Le polpette del cuore...quanto amore e quanti splendidi ricordi che hai condiviso con noi; una gran tenerezza perchè credo che ognuno di noi abbia la sua nonna e il suo piatto del cuore in grado di suscitare e rinverdire sensazioni e sentimenti forti forti.

    RispondiElimina
  2. Le nonne sono sempre le nonne ;) anche io non me le sono potuto gedere molto, sono morte parecchi anni fa però ho un sacco di bei ricordi. Io adoravo le polpette della mia nonnina, ne riuscivo a mangiare delle quantità enormi...si vede che le nonne sono speciali per le polpette ^_^

    RispondiElimina
  3. Le nonne...! Purtroppo la mia nonnina del cuore l'ho persa troppo presto, avevo solo 5 anni e ciò nonostante mi sono rimasti di lei dolcissimi ricordi che porterò con me per sempre. Queste polpette sono speciali, stanno invogliando anche me che con la carne simpatizzo poco.
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. Approvo in pieno la scelta di questa ricetta e poi sono una sostenitrice delle polpette! queste tue sono bellissime le farò..spero di trovare l'uovo di gallina che razzola ;)

    RispondiElimina
  5. milla quanti ricordi queste polpette hanno...sono deliziose e poi una polpettara come me nn potrebbe nn apprezzarle!!baci imma

    RispondiElimina
  6. amo le polpette, in famiglia picciono a tutti. E' bello associare le preparazioni ai ricordi è un gesto d'affetto molto intimo. Bacio

    RispondiElimina
  7. Eh già, anch'io avrei voluto fare molto di più con le mie nonne, ma se ne sono andate troppo presto e io conservo i loro ricordi e le loro ricette con amore...queste polpette sono meravigliose...un abbraccio Chià

    RispondiElimina
  8. Eh si.. ci si può mettere di tutto.. e sons emrpe buone.. a chi non piacciono le polpette?? Io le adoro!! mi piace questa tua ricetta con anche le patate.. :-) smack!

    RispondiElimina
  9. che tenera,la premessa a questa bella ricettina,Milla^;^le nostre mamme,le nostre nonne..le colonne portanti della nostra giovinezza...:))io, la mia "nonnaSabbella",purtroppo non l'ho neanche conosciuta..avevo apena 7 mesi,quando se ne ando'...ma rivive in me,ogni giorno...quando mi accingo a preparare,nel mio regno-cucina!!complimenti per queste gustosissime polpette della tua cara nonna;) le provero'!!bacioni,cara

    RispondiElimina
  10. Ciao! le polpette ci piacciono davvero moltissimo, meglio se arricchite in modo sempre diverso!
    un bacione

    RispondiElimina
  11. Le nonne!....Che bell'invenzione!!!

    RispondiElimina
  12. sfiziosisssssime!!!!complimenti!!

    RispondiElimina
  13. Le polpette delle nonne sono le migliori =) le mie nonne non le fanno, puzzone!,ma sfrutto sempre quelle della nonna del mio migliore amico =) sanno sempre di casa =)

    RispondiElimina
  14. un post dolcissimo davvero che sicuramente avrebbe fatto tanto piacere alla nonna mimma...
    cmq anche io son come te: polpette e brodo solo a casa propria! (o a casa di mani fidate!)
    mi segno subito la ricetta, bacione! ale

    RispondiElimina
  15. un magnifico ricordo di una persona cara, perchè il cibo è anche un valore in più, dagli ingredienti devo dire niente male, le patate mantengono le polpette morbide e adatte a tutti

    RispondiElimina
  16. hai scritto delle parole bellissime sulla tua nonna, Le saranno arrivate e da lassù ne sarà felice. Ricordo della mia nonna materna il focolare con una gran padella sul treppiede , il fuoco sotto e le patata fritte più meravigliose (lo so che non si dice ma è così) che abbia mai mangiato ....e non le ho più mangiate così buone. mantieni la tradizione di queste gustose polpette , un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  17. Che bello andate in vacanza sulle Dolomiti? dove? grazie per essere diventata mia lettrice, bacione Chià

    RispondiElimina
  18. Le ricette di famiglia, per quanto semplici son sempre le più buone... saran i ricordi legati a loro! queste polpette della tua nonna son preziose, sarebbe felicissima di vederle qui e di vedere come ora tu le prepari con amore!:)
    grazie per averla condivisa:)

    RispondiElimina
  19. Adoro le polpette! Pensa che non le faccio da un bel pò per evitare di friggerle, ma ogni volta che vedo pubblicata una ricetta, la salvo con l'acquolina in bocca!
    La tua è nella top list assieme a quella di Semi di Papavero!
    Ciao e buona serata!
    Sissa

    RispondiElimina
  20. @ tutti: grazie

    @ Neve: andiamo a San Vigilio di Marebbe.Grazie anche a te per esserti aggiunta. a presto

    @ la Sissa: Allora queste puoi farle tranquillamente perchè devi usare poco olio non è un fritto ad immersione.

    RispondiElimina
  21. che buone, bravissima! senti ho visto i muffins che dicevi.... ho già provveduto a segnami la ricetta, sembrano deliziosi! bacioni MILLA! M

    RispondiElimina
  22. Cara Milla, a volte le persone care che non sono più con noi sono più vicine di quanto pensiamo quando il nostro ricordo (come una ricetta) ci riporta a loro.
    Conserva i tuoi ricordi gelosamente e grazie per aver condiviso con noi questa sfioziosa ricettina

    RispondiElimina
  23. Mamma mia che bontà :-)
    Complimenti, ricetta che voglio assolutamente rifare!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Mi sembrano perfette,anche se io vado un po' controcorrente ...... a me le polpette non sono mai piaciute....
    ma che mi dici della Bella Belinda qui accanto..... non vedo l'ora di leggere la ricetta!

    RispondiElimina
  25. Ciao, sono Serena, ho scoperto il tuo bel blog perchè hai lasciato un commento nel mio ed ho trovato diverse ricette che proverò senz'altro! Complimenti e credo proprio che ti farò visita spesso!!! A presto!

    RispondiElimina
  26. questa nn e'una ricetta, ma una vera chicca!!!
    baci

    RispondiElimina
  27. Excelente receta. Se ve deliciosa. Saludos

    RispondiElimina
  28. ciao milla
    fra le corolle di pane, il liquore al cioccolato e queste polpette.... non saprei che scegliere!..... forse le polpette! son golosa lo so :-)
    a presto!
    b

    RispondiElimina
  29. Ma come mai ancora non conoscevo questo bel blog??
    Sottoscrivo subito i feeds! A presto!

    RispondiElimina
  30. Io al contrario non amo le polpette in modo particolare, am queste così "cicciotte" mi tentano molto :)

    RispondiElimina
  31. 2-3 a testa?... No, a casa nostra sarebbe solo un'antipastino! E poi, se sono così buone, non si può fermarsi prima di scoppiare..
    belle parole sulla nonna.. la mia non è stata altrettanto brava, ho sempre cercato di togliermela di dosso..
    baci

    RispondiElimina
  32. @ Cristina: la bella Belinda arriva appena ritorno dalle ferie, ti anticipo solo che è molto molto molto calorica!!Però non se ne può fare a meno :-))

    @ Serena, parentisiculianaria: grazie, siete le benvenute!


    Tutti: grazie!!

    RispondiElimina
  33. Ciao Milla, eccomi ritornata e son venuta a fare un giretto nei miei amati blog...
    ...innanzitutto complimenti per il nuovo arrivato, il supermitico Bimby (io non riuscirei più a farne a meno!)e poi per le belle ricette che ho visto pubblicate in mia assenza...complimenti, un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  34. Mmmmmm secondo me sono speciali...devo provarle!!!! Ma visto che ad occhio non sono brava: le patate devono essere una metà della carne?!?

    RispondiElimina
  35. @Anonimo: si grossomodo una metà, va bene anche meno, più della metà o altrimenti non reggono...

    RispondiElimina
  36. MMMMM che aspetto invitante!!! ne vorrei una ora!!!! Mi unisco, all' istante ai tuoi lettori!!! per non perdere le tue prossime pubblicazioni!!!!

    RispondiElimina
  37. Ciao Milla, complimenti per il blog, che belle ricette! Questa poi, dedicata alla tua nonna, mi piace particolarmente. Io ho perso la mia pochi giorni fa. Un grande dolore, quindi ti capisco di come qualcosa che te la ricorda assuma un rilievo particolare. Le mie polpette hanno il pane al posto delle patate, devo provare anche questa versione che ha un aspetto così invitante. Un abbraccio

    RispondiElimina
  38. bellissime le tue polpette :) le adoro anche io!!

    RispondiElimina
  39. Le polpette...come si fa a resistere davanti a loro :) Come sono buone...

    RispondiElimina
  40. Ciao Milla, che dosi devo usare per la carne e le patate?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao come ho scritto io per questa ricetta vado ad occhio, cmq per circa 3 hg di macinato, due patate...a presto

      Elimina
  41. Ciao! la segno e spero di provarla presto!

    RispondiElimina

Impressioni, consigli, chiarimenti, critiche...tutto ciò che scrivete è benvenuto...purchè vi firmiate :-)

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.